Simbolo di Madrid a Sol.

Cosa vedere a Madrid in 3 giorni: Guida completa 2024

Stai pianificando il tuo viaggio di 3 giorni a Madrid?

In questo articolo che ho scritto per te, ti fornirò molte informazioni per goderti la città al massimo.

Ti parlerò di:

  • Come risparmiare durante la tua visita nella capitale spagnola.
  • Come spostarti durante il tuo soggiorno a Madrid.
  • Itinerario e informazioni sui principali luoghi turistici che visiteremo durante i 3 giorni.

Le attività imperdibili durante il tuo viaggio a Madrid

I tour più belli in italiano

  • Free Tour di Madrid: 2 ore e mezza per scoprire tutta la storia e i luoghi emblematici della capitale spagnola.
  • Autobus turistico: Esplora comodamente tutti i luoghi principali della città mentre ascolti un audioguida.

Per chi ama l’arte e vuole scoprire le opere dei Musei più importanti del mondo a Madrid

Le migliori attività da fare in famiglia con i tuoi ragazzi

Dove alloggiare a Madrid

Consigli per vedere Madrid in 3 giorni

Come risparmiare a Madrid in 3 giorni

Madrid è una città economica rispetto ad altre città europee come Londra o Parigi, ma ci sono diversi consigli che voglio darti per aumentare il tuo risparmio durante la tua vacanza.

Madrid è una città che può essere tranquillamente percorsa a piedi, anche se può essere stancante per l’intera giornata. Un’alternativa valida è la Madrid City Card, che ti offre, oltre all’utilizzo di tutti i mezzi pubblici in maniera gratuita, anche :

  • Sconti per musei e altre attrazioni.
  • Pass prioritario per un facile accesso alle principali attrazioni.
  • Altri sconti presso negozi o centri convenzionati.

Quanto costa e dove puoi trovare la Madrid City Card?

Puoi trovarla presso qualsiasi Centro del Turismo. Puoi consultare il sito ufficiale per conoscere i punti di ritiro, il costo è di 18,40€ per i 3 giorni nel tuo caso.

Quando andare a Madrid?

Madrid è una città visitabile tutto l’anno, e in ogni periodo ci sono molti eventi e feste che puoi trovare in città. Personalmente, ritengo che la primavera sia il periodo migliore.

Perché questo periodo?

Le giornate si allungano, il clima è ideale, i prezzi sono accessibili e la città non è ancora sommersa di turisti, quindi puoi godertela completamente tutta per te.

Se vuoi altre informazioni ti invito a leggere il mio articolo : Il periodo migliore per visitare Madrid.

Come muoversi a Madrid in 3 giorni?

Bici elettriche madrid

Madrid offre molte opzioni per spostarsi da un punto all’altro della città. Come ti ho consigliato in precedenza, la metropolitana è un modo molto efficiente per muoversi. Puoi acquistare la Tarjeta Multi, una carta ricaricabile per più viaggi a un costo fisso, nel caso non hai intenzione di acquistare la Madrid city card.

Ci sono anche gli autobus, che sono puntuali e puoi usarli con la Tarjeta Multi, anche se potresti incontrare del traffico in orari di punta.

Recentemente ho provato un’alternativa valida: le nuove biciclette elettriche messe a disposizione dal comune per i cittadini. Ci sono 7.500 biciclette elettriche e 611 stazioni in tutta la città.

Come iniziare a utilizzare le biciclette elettriche?

In ogni stazione di biciclette, puoi ottenere la tua tessera come utente occasionale per 1, 2 o 5 giorni tramite la macchinetta digitale. Ti verrà richiesto un deposito cauzionale di 150€ dalla tua carta per confermare la validità. Puoi usarle liberamente tutte le volte che desideri e, al termine dei giorni selezionati, ti verrà addebitato solo il tempo di utilizzo. È un’alternativa estremamente comoda per esplorare il centro città in modo diverso ed ecologico.

Cosa vedere a Madrid in 3 giorni: Itinerario giorno per giorno con mappa

Giorno 1: Visita la Puerta del sol e Madrid de los Austrias

Iniziamo il nostro tour passeggiando nella zona centrale e procedendo verso il quartiere medievale di Madrid, noto come quartiere de los Austrias, dove si trovano alcuni dei principali luoghi di interesse. Successivamente, esploreremo i quartieri circostanti e trascorreremo la serata in uno dei quartieri vivaci.

Ecco la mappa del primo giorno:

  • Puerta del Sol
  • Palacio Real
  • Cattedrale dell’ Almudena
  • Templo di Debod
  • Palacio de Liria
  • Chiesa di Sant’ Antonio de los Alemanes
  • Serata nel quartiere di Malasaña

Visita la Puerta del Sol

Real casa de los correos, Madrid

La Puerta del Sol è la piazza più famosa e antica di Madrid, situata nel centro della città. Le prime comunità nacquero qui grazie alla costruzione, già nel XV secolo, di uffici governativi, il primo fu l’edificio della Real Casa de Correos, che puoi riconoscere per il suo famoso orologio nella torre .

La piazza prende il nome dalla grande porta decorata con un sole, che un tempo costituiva l’ingresso principale alla città. Attorno a questa porta, i villaggi si svilupparono sempre di più e la piazza divenne un punto di incontro per il commercio e il divertimento.

Oggi, la Puerta del Sol rappresenta un importante centro vitale e commerciale. Nelle vicinanze si trova anche la famosa Plaza Mayor.

Palazzo Reale

Palazzo Reale Madrid

Camminando verso il quartiere di Madrid de los Austrias attraverso le sue antiche strade, troveremo uno dei punti principali della città: il Palazzo Reale. Prima o dopo la visita al palazzo, possiamo fare una passeggiata tra i giardini circostanti, dove potremo ammirare statue e alberi di diverse specie. Uno di questi giardini è il “Jardín de Sabatini”, risalente agli anni ’30, mentre l’altro è il “Campo del Moro”, risalente all’epoca di Filippo IV.

Cosa vedere nel Palazzo Reale di Madrid?

All’interno del Palazzo Reale, puoi visitare le sue stanze che sono rimaste intatte, conservando l’architettura e l’arredamento originale, che includono oggetti di immenso valore storico come la sala del trono.

Inoltre, all’interno del palazzo si trova uno dei più importanti musei delle armi al mondo, la Real Armeria, con una collezione appartenente alla famiglia reale.

Quanto tempo è necessario per visitare il Palazzo Reale di Madrid?

Per poter ammirare tutto il suo splendore, si consiglia di calcolare tra un’ora e due ore.

Quanto costa il biglietto per il Palazzo Reale?

Il biglietto standard ha un costo di 15€. Tuttavia, se desideri esplorare diverse attrazioni durante i tre giorni, ti suggerisco di considerare l’acquisto di pacchetti che includono diverse attrazioni, tra cui il Palazzo Reale. In questo modo, potrai risparmiare denaro.

Se invece hai intenzione di visitare solo il Palazzo Reale, puoi prenotare la tua visita online che ti assicura l’accesso prioritario.

Ti bastano queste informazioni? Se vuoi sapere di più leggi il mio articolo Consigli utili per visitare il Palazzo Reale di Madrid.

La Cattedrale dell’Almudena

Cattedrale dell'Almudena,Madrid.

Di fronte al Palazzo Reale si può ammirare la cattedrale dell’Almudena, la sede vescovile di Madrid dedicata alla patrona della città. La costruzione della chiesa iniziò nel XIX secolo e venne completata solo nel XX secolo, motivo per cui presenta diversi stili architettonici sviluppatisi nel corso del tempo: neoclassico all’esterno, neogotico all’interno e neoromanico nella cripta.

Cosa vedere nella cattedrale dell’Almudena?

All’interno si trova l’altare della Virgen de la Almudena con un retablo di Juan de Borgoña. Le pitture e le vetrate nell’abside sono opera di Kiko Argüello. La cripta, che può essere visitata con una donazione facoltativa, fu aperta nel 1911 e al suo interno sono sepolti nobili personaggi della storia spagnola, come marchesi e principi. Nella cripta hanno lavorato artisti dell’epoca, creando vetrate che illuminano le cappelle. L’arredamento delle cappelle mescola mosaici di tradizione bizantina, rilievi e immagini di proporzioni classiche, così come vetrate in stile.

Quanto costa entrare nella Cattedrale dell’Almudena?

L’ingresso nella chiesa è gratuito. Tuttavia, è previsto un costo per visitare il museo religioso all’interno, che ammonta a 7€ per il biglietto standard. Il museo è aperto dal lunedì al sabato dalle 10:00 alle 14:30 e offre anche la possibilità di salire sulla cupola per ammirare la vista sulla città e sul Palazzo Reale.

Tempio di Debod

templo de debob. madrid

Camminando lungo la Calle Bailén, molto vicino alla Plaza de España, si arriva a un altro monumento molto interessante di Madrid: il Tempio di Debod. Questo tempio è uno dei pochi monumenti egiziani presenti in Europa.

Qual è l’origine del Tempio di Debod?

Questo tempio è stato donato alla Spagna dall’Egitto nel 1968 come segno di ringraziamento per l’aiuto fornito nella protezione del Tempio di Abu Simbel, che era in pericolo di distruzione.

Cosa si trova all’interno del Tempio di Debod?

L’ingresso al tempio è gratuito e al suo interno sono disponibili informazioni sulla mitologia e la società egizia, oltre a spiegazioni sui geroglifici.

La Cappella di Adijalamani, dedicata al dio Amon di Debod, rappresenta il nucleo architettonico del santuario ed è la parte più antica conservata del tempio. È decorata con scene e geroglifici che raffigurano il re che adora gli dei e offre sacrifici, in relazione al culto delle divinità locali.

Visitare il Tempio di Debod è un’esperienza da fare, soprattutto se non si è mai stati in Egitto.

Palazzo di Liria

Palacio de Liria, madrid

Dopo una breve visita al Tempio di Debod, facciamo una passeggiata di 10 minuti per raggiungere uno dei più grandi palazzi privati della città, conosciuto anche come il “fratello minore” del Palazzo Reale. Il Palazzo di Liria è una magnifica casa-museo che è poco conosciuta dai turisti che visitano Madrid.

Cosa vedere nel Palazzo di Liria?

Il palazzo appartiene alla nobile famiglia della Casa d’Alba ed è una delle residenze private più importanti di Madrid. Oltre ad ammirare l’eleganza architettonica, il palazzo ospita una preziosa collezione d’arte e un archivio storico.

Tra i circa 350 dipinti che adornano il Palazzo di Liria, spiccano i ritratti dei successivi duchi, realizzati nel corso di cinque secoli da artisti come Christoph Amberger, Antonio Moro, Louis-Michel van Loo, Goya, Velázquez, Sorolla e molti altri. Durante la visita guidata avrai l’opportunità di esplorare le stanze e scoprire i segreti di una delle famiglie più celebri di Spagna.

Quanto costa l’ingresso al Palazzo di Liria?

L’ingresso alla visita guidata ha un costo di 15€ ed è possibile prenotarlo online qui.

Vuoi saperne di più sulla visita al Palazzo di Liria? leggi qui.

La chiesa di Sant’Antonio degli Alemanni

Sant Antonio de los alemanes, madrid

Dopo la nostra visita al Palazzo di Liria, ci dirigiamo verso uno dei quartieri più significativi di Madrid, il quartiere di Malasaña. Mentre passeggiamo per le sue stradine, tra negozietti vintage e bar dove fare una pausa caffè, possiamo approfittare per visitare una bellezza sconosciuta ai turisti, la chiesa di Sant’Antonio de los Alemanes.

Quanto costa l’entrata nella chiesa Sant’Antonio degli Alemanni?

È possibile visitare questa chiesa dedicata a Sant’Antonio da Padova al costo di 5€, che include anche la visita al museo. La chiesa è aperta al pubblico la mattina dalle 10:30 alle 14:00, oppure è possibile entrare durante la messa delle 18:30.

Cosa vedere nella chiesa Sant’Antonio degli Alemanni?

Costruita nel 1624, la chiesa di Sant’Antonio de los Alemanes ha un aspetto esterno molto semplice, ma il suo interno è un vero gioiello. È interamente dipinto da artisti come Luca Giordano, gli affreschi raffigurano l’Apoteosi di San Antonio nella cupola, e vari miracoli del santo sulle pareti. Troveremo anche ritratti di santi spagnoli e sei altari realizzati da diversi artisti.

Sull’altare troveremo anche un capolavoro di Manuel Pereira, la scultura di Sant’Antonio con il Bambino Gesù.

Giorno 2: Scopriamo il Paseo del Arte e la Gran via

In questo secondo giorno della tua vacanza di 3 giorni a Madrid, esploreremo quello che è conosciuto come il quartiere del Paseo del Arte, dove si trova uno dei musei più importanti al mondo, e successivamente faremo una passeggiata nel centro della città.

Ecco l’itinerario proposto:

  • Parco del Retiro
  • San Jerónimo el Real
  • Museo del Prado
  • Real Academia de Bellas Artes
  • Aperitivo vicino la Gran Vía con spettacolo di flamenco
  • Passeggiata a Chueca

Parco del Retiro

Palacio de Cristal nel parco del retiro

La nostra giornata può iniziare con una piacevole passeggiata e una colazione in uno dei tanti bar all’interno di questo meraviglioso parco, il Parco del Retiro, che rappresenta il cuore verde di Madrid, sono disponibili anche tour per scoprire a fondo tutta la storia del parco e dei suoi monumenti, uno dei più belli è con il segway che puoi prenotare qui.

Questo parco è diventato di dominio pubblico nel 1767 per volere di Carlo III ed è stato originariamente costruito nella prima metà del XVII secolo come giardini di svago per il re Filippo IV.

Cosa c’è nel Parco del Retiro?

Il Parco del Retiro è considerato un Bene di Interesse Culturale ed è ricco di diversi monumenti, tra cui spiccano il Monumento ad Alfonso XII, il suggestivo Palazzo di Cristallo e il maestoso Palazzo di Velázquez.

Chiesa di San Jeronimo el Real

Chiesa di San Jeronimo el Real

Uscendo da una delle porte più antiche del parco, la Puerta de Felipe IV, possiamo dirigerci verso una delle chiese più importanti di Madrid, la chiesa di San Jerónimo el Real. Questa chiesa era originariamente un antico monastero legato alla vita reale, dove i sovrani e le famiglie reali soggiornavano quando volevano allontanarsi dalla città. È stata utilizzata per cerimonie ufficiali di corte, come battesimi e matrimoni, nel corso dei secoli.

Cosa vedere nella chiesa di San Jeronimo el Real?

Durante i lavori di restauro nel XX secolo, sono state scoperte pitture murali risalenti al XVI secolo e bassorilievi rinascimentali in una delle cappelle. La chiesa di San Jerónimo el Real ha riacquistato il suo splendore e ospita opere d’arte importanti, tra cui il retablo neogotico di José Méndez e alcuni dipinti donati dal Museo del Prado.

Scopri il Museo del Prado

Museo del Prado, Madrid

A due passi dalla chiesa di San Jerónimo troviamo uno dei punti principali da visitare a Madrid, il famoso Museo del Prado. Questo museo è uno dei più visitati al mondo e contiene le collezioni più complete e importanti. Tra gli artisti di spicco figurano Velázquez, El Greco, Goya, Tiziano, Rubens, Raffaello e Bosch.

Il Museo del Prado ha origine dalla collezione personale delle dinastie governanti spagnole nel corso di diversi secoli e come affermato dallo storico dell’arte Jonathan Brown, “pochi oserebbero mettere in dubbio che sia il museo più importante al mondo per la pittura europea”.

Cosa vedere nel Museo del Prado?

Il museo conta 8.045 dipinti, 9.561 disegni, 5.973 stampe, 971 sculture (oltre a 154 frammenti), 1.189 pezzi di arti decorative, 38 armi e armature, 2.155 medaglie e monete, oltre 15.000 fotografie, 4 libri e 155 mappe, questi sono i risultati dell’ultimo inventario del museo.

Quanto tempo ci vuole per visitare il Prado?

Il mio consiglio è calcolare almeno 3 ore per godere delle sue bellezze.

Quanto costa il Museo del Prado?

Il costo dell’entrata è di 15€, anche se l’accesso è gratuito da lunedì a sabato dalle 18.00 alle 20.00 e la domenica e festivi dalle 17.00 alle 19.00. Tuttavia, in questi orari potresti trovare lunghe code e il rischio di non entrare.

Ti consiglio di comprare da questo rivenditore il biglietto che ti assicura di entrare direttamente saltando la fila.

Qual è l’opera d’arte più famosa del Museo del Prado?

“Las Meninas”, dipinto da Diego Velázquez nel 1656.

Museo della Real Academia de Bellas Artes de San Fernando

La Real Accademia Belle Arti

Uscendo dal Museo del Prado e camminando per circa 15 minuti verso Sol, nella C. de Alcalá 13, si trova un bellissimo palazzo quasi sconosciuto ai turisti, il Museo della Reale Accademia delle Belle Arti di San Fernando. L’Accademia è stata fondata nel 1752, durante il regno di Ferdinando VI, con l’obiettivo di proteggere e sviluppare le arti, nonché formare nuovi artisti.

Oggi, l’Accademia ospita un bellissimo museo di tre piani dove è possibile ammirare opere di artisti come Goya, Zurbarán, Tintoretto, Rubens, Mengs, Van Loo, Sorolla, Mariano Benlliure, Pedro de Mena, Juan Gris e altri artisti meno conosciuti che hanno studiato nell’accademia.

Cosa vedere nel Museo della Reale Accademia delle Belle Arti di San Fernando a Madrid?

Nel Museo dell’Accademia Reale delle Belle Arti di San Fernando puoi ammirare un ricco patrimonio artistico composto da oltre 1.400 dipinti, 1.300 sculture e 15.000 disegni. Inoltre, il museo vanta una vasta collezione di arti decorative, tra cui porcellane, oggetti d’argenteria, oreficeria e mobili.

Quanto costa l’entrata al Museo della Reale Accademia delle Belle Arti di San Fernando?

Il costo dell’ingresso al Museo Reale Accademia delle Belle Arti di San Fernando a Madrid è di 9,90€ per l’entrata standard che puoi acquistare qui.
Il museo è visitabile dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 15:00, mentre l’ingresso è gratuito tutti i mercoledì non festivi.

Passeggiata per la Gran Via, partecipa a uno spettacolo di flamenco e scopri il quartiere di Chueca

Spettacolo di flamenco a Madrid.

Dopo una giornata piena di attrazioni, puoi concludere la tua giornata passeggiando lungo la bellissima Gran Via, una delle zone commerciali più importanti di Madrid, dove potrai fare shopping o semplicemente cenare nei suoi ristoranti.

Il tratto che va dalla Plaza de España alla Plaza Callao è conosciuto come la “Broadway madrilena” per la grande quantità di cinema e teatri che illuminano la strada. Nelle strade circostanti, potresti assistere a uno spettacolo di flamenco, nei teatri dedicati a questa bellissima danza, mentre sorseggi un drink.

Vicino alla Gran Via, puoi approfittare per visitare il quartiere di Chueca, uno dei quartieri più vivaci e conosciuti come la zona gay di Madrid. Negli anni ’90 ha vissuto un grande sviluppo con l’apertura di negozi, ristoranti e discoteche, liberandosi della cattiva reputazione di quartiere trascurato che aveva durante gli anni della dittatura franchista. Oggi è un quartiere pieno di vita e molto colorato, con alcuni monumenti che puoi visitare, come la Chiesa di Santa Barbara o il Palazzo di Longoria.

Giorno 3: Visita il Museo Thyssen-Bornemisza e i quartieri di La Latina e Lavapies

Il terzo giorno vedremo un altro famosissimo museo e andremo alla scoperta di due quartieri molto affascinanti di origine medievale. Ecco le attrazioni di questo ultimo giorno:

  • Museo Thyssen-Bornemisza
  • Lavapiés e Palacio de Fernán Núñez
  • Tour di tapas a La Latina

Museo thyssen-bornemisza

Museo Nazionale Thyssen-Bornemisza

Questo museo, che si trova nel Paseo del Prado, nel Palacio de Villahermosa, un edificio del XVIII secolo, è una delle gallerie d’arte più visitate in Spagna.

Cosa vedere al Museo Thyssen-Bornemisza?

Il museo ospita la collezione privata accumulata per sette decenni dal barone Heinrich Thyssen-Bornemisza e suo figlio Hans Heinrich. Include opere dei primitivi italiani, del Rinascimento, del Barocco, della scuola olandese, degli artisti americani del XIX secolo, dell’impressionismo, del postimpressionismo, dell’espressionismo tedesco e del XX secolo. Nel 2004 è stato realizzato un ampliamento del museo, che ospita la Collezione della baronessa Carmen Thyssen-Bornemisza e include opere datate tra il XVII e il XX secolo di artisti come Canaletto, Monet, Renoir, Picasso, Van Gogh.

Quanto tempo ci vuole per visitare il Museo Thyssen-Bornemisza?

Il tempo è soggettivo, anche se è consigliabile calcolare almeno due ore per esplorare tutti i suoi piani.

Quanto costa il Museo Thyssen-Bornemisza?

L’entrata standard al museo costa 13€, anche se il lunedì dalle 12:00 alle 16:00 l’ingresso è gratuito. Tuttavia, preparati ad affrontare lunghe file. È meglio acquistare il tuo biglietto in anticipo online.

Se vuoi ancora più informazioni ne parlo nel mio articolo Cosa vedere al Museo Thyssen-Bornemisza

Quartiere Lavapies e Palacio de Fernan Nunez

“La Casa del Sombrerete” di fronte le scuole pie a Lavapies, Madrid

Terminata la nostra visita al museo, possiamo dirigerci verso uno dei quartieri caratteristici di Madrid, Lavapiés.

Lavapiés è un quartiere antico di Madrid caratterizzato da stradine che richiamano la sua origine medievale. In passato, era una zona situata al di fuori delle mura della città, mentre oggi è conosciuto come un quartiere multiculturale, poiché nel corso degli anni molte persone di etnie diverse si sono stabilite qui. Questo si riflette nei numerosi ristoranti e attività di diverse nazionalità che animano il quartiere.

Cosa fare a Lavapies?

Durante la tua passeggiata ammira l’architettura dei palazzi e potresti imbatterti nelle “Corralas”, che sono gli edifici antichi con una struttura in legno. Una Corrala ben conservata può essere ammirata in Calle Sombrerete 13.

A breve distanza da questa via si trova una meravigliosa casa-museo che puoi visitare previa richiesta scritta online sul sito. Si tratta del Palacio Fernán Núñez, dichiarato patrimonio culturale di Madrid che combina l’eleganza dell’architettura neoclassica con una ricca storia. È un luogo affascinante da visitare per immergersi nell’atmosfera aristocratica del XIX secolo e scoprire il fascino nobiliare del passato.

Scopri la La Latina con un tour di tapas

tapas a la latina,Madrid

Il quartiere confinante con Lavapiés è La Latina, un quartiere medievale molto caratteristico e famoso come zona di tapas e degli aperitivi.

Cosa vedere a La Latina?

Ci sono molti punti di interesse, tra cui una delle chiese più antiche di Madrid, la chiesa di San Pedro el Viejo. Inoltre, perché non terminare la giornata con un tour dei bar di tapas? In questo modo potrai cenare e assaggiare diversi piatti della cucina spagnola per una full immersion nella cultura iberica mentre una guida ti farà conoscere tutto su questo magnifico quartiere. Puoi prenotarla qui.

Infine , questa è una città vibrante e spero che con questo articolo hai avuto idee di cosa fare 3 giorni a Madrid.
Ricorda, Madrid sarà sempre lì ad aspettarti per il tuo prossimo viaggio, pronto a sorprenderti ancora una volta!

Vuoi sapere ancora più informazioni per organizzare il tuo viaggio a Madrid? Leggi l’articolo di come organizzarne uno perfetto.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *