Monumento ad Alfonso XII nel parco del Retiro a Madrid

Paseo del Arte, Madrid: Cosa Vedere, Biglietti e Guida 2024

Questo quartiere, culturalmente, è uno dei più importanti di Madrid.

Questo viale, chiamato “Paseo del Prado”, è una zona piena di arte, conosciuta turisticamente, appunto, come “Paseo del Arte”. In pochi metri sono presenti tre dei musei più importanti al mondo e tantissime attrazioni turistiche.

Il “Paseo del Prado” prende il nome dai prati e boschi presenti in queste zone, infatti all’epoca la zona rappresentava il limite urbano della città verso la periferia. Fu praticamente rivoluzionata con un progetto chiamato “Salón del Prado”, promosso dal Conte de Aranda, e trasformata in una zona curata e piena di verde, dove i nobili potevano godere della tranquillità e della natura di questi giardini.

La zona è diventata Patrimonio dell’UNESCO nel 2021 proprio per la presenza di questi tre musei: il Museo del Prado, il Museo Reina Sofia e il Museo Thyssen-Bornemisza, e il Parco del Retiro a fare da cornice. La zona è anche ricca di monumenti e siti storici costruiti durante la riforma del XVIII secolo, come fontane, statue e piazze che decorano tutto il viale.

Ora ti guiderò un po’ e ti spiegherò:

  • Come arrivare al “Paseo del Prado” dall’aeroporto
  • Cosa vedere al “Paseo del Prado”
  • Dove mangiare al “Paseo del Prado”

Le attività imperdibili durante il tuo viaggio a Madrid

I tour più belli in italiano

  • Free Tour di Madrid: 2 ore e mezza per scoprire tutta la storia e i luoghi emblematici della capitale spagnola.
  • Autobus turistico: Esplora comodamente tutti i luoghi principali della città mentre ascolti un audioguida.

Per chi ama l’arte e vuole scoprire le opere dei Musei più importanti del mondo a Madrid

Le migliori attività da fare in famiglia con i tuoi ragazzi

Dove alloggiare a Madrid

Come arrivare al “Paseo del Prado” dall’aeroporto

Madrid ha la seconda più grande rete metropolitana d’Europa, che collega tutti i punti della città in modo efficiente. Consiglio di utilizzare sempre la metropolitana per raggiungere i vari punti della capitale, incluso l’aeroporto.

Ovviamente, ci sono anche altri mezzi di trasporto, come servizi privati, taxi o Uber, che sono più comodi e veloci, ma hanno un costo che va dai 25€ ai 40€, o servizi più economici ma più lenti, come i pullman e le navette. La metropolitana rappresenta un ottimo compromesso. Con circa 5 euro, puoi acquistare la “tarjeta multi” ricaricabile, che ti consente di fare più viaggi e che puoi comprare nelle biglietterie automatiche della metropolitana. In circa 40 minuti, puoi raggiungere la stazione “Estacion del Arte” dall’aeroporto seguendo questi semplici passi:

  • Entra nella stazione metro dell’aeroporto e prendi la linea 8 in direzione “Nuevos Ministerios”.
  • Arrivato a “Nuevos Ministerios”, prendi la linea 10 in direzione “Tribunal”.
  • Arrivato a “Tribunal”, cambia per l’ultima volta e prendi la linea 1 in direzione “Estacion del Arte”.
    Ora sei arrivato al “Paseo del Prado”!

Cosa vedere al “Paseo del Prado”

Con il nome “Paseo del Arte”, puoi immaginare il tour che ti aspetta lungo questa strada piena di arte e storia… Cominciamo!

Chiesa di San Jeronimo el Real

Chiesa di San Jeronimo el Real

Questa chiesa è una delle più belle e antiche di Madrid, ed è l’unica ad avere uno stile gotico con influenze rinascimentali. La chiesa fa parte di un antico monastero che sorgeva fuori Madrid, dove i re amavano soggiornare per trovare tranquillità.

La chiesa raggiunse il massimo splendore dopo la costruzione accanto ad essa del famoso “Cuarto Real”, un grande progetto voluto da Felipe IV per creare una zona di svago per le famiglie reali. Grazie alla sua vicinanza, la chiesa veniva utilizzata per cerimonie ufficiali reali come battesimi e incoronazioni, il che le valse il titolo di “el real”.

La chiesa ha subito diverse ristrutturazioni a causa dei danni subiti durante la guerra contro le invasioni napoleoniche, ma fortunatamente ha mantenuto il suo stile neogotico sia all’esterno che all’interno, e dal 1925 è stata riconosciuta come monumento nazionale.

  • Indirizzo:Calle de Moreto, 4
  • Orario:Lunedi – Domenica: 10:00h – 13:00h / 17:00h – 20:00h
  • Prezzo:Entrata gratuita

Museo del Prado

Museo del Prado

Questo museo è il simbolo di Madrid nel mondo, inaugurato il 19 novembre 1819 per volontà di María Isabel de Braganza, moglie di Fernando VII. L’edificio del Museo è opera dell’architetto Juan de Villanueva ed è un chiaro esempio di architettura neoclassica madrilena.

Al museo fanno parte anche altri edifici distaccati dal corpo principale, come il chiostro della vicina chiesa “del jeronimo” e il “cason del buon retiro”, che è una parte recuperata del distrutto “Palacio del buon retiro”. Attualmente il “cason” è utilizzato come biblioteca del museo, dove è possibile visitare i suoi oltre 150.000 libri d’arte.

Nel Museo del Prado si possono ammirare più di 20.000 disegni e pitture, oltre a 1.000 sculture della scuola spagnola, fiamminga e italiana tra il XVI e il XIX secolo. Velázquez, Goya, El Bosco, El Greco, Dürer, Rubens, Ribera, Tintoretto, sono solo alcuni dei maestri delle grandi collezioni conservate nel Museo, che devi visitare assolutamente. Non a caso, nel 2017 il Museo del Prado ha ricevuto 2,8 milioni di visitatori, con una media di 7.800 al giorno, provenienti da tutto il mondo, ed è tra i primi 10 musei e gallerie più importanti al mondo.

Naturalmente, l’ingresso al museo è a pagamento, anche se dal lunedì al sabato dalle 18:00 alle 20:00 e la domenica e i giorni festivi dalle 17:00 alle 19:00 l’ingresso è gratuito, ma potresti trovare delle lunghe file. Ti consiglio di prenotare la tua visita e di goderti questo gioiello in serenità e tranquillità, perché ti serviranno almeno 3 ore per visitarlo tutto.

  • Indirizzo: Paseo del Prado
  • Orario:Lunedi – Sabato: 10:00h – 20:00h. Domenica e festivi : 10:00h – 19:00h.

Vuoi saperne di più su questo fantastico Museo? Leggi l’articolo Cosa vedere nel Museo del Prado.

Museo Nazionale Thyssen-Bornemisza

Museo Nazionale Thyssen-Bornemisza

A pochi passi dal Museo del Prado, si trova un’altra importante pinacoteca inclusa nel cosiddetto “triangolo dell’arte”: il Museo Thyssen-Bornemisza. Fondato nel 1992, è una delle gallerie più importanti in Spagna e la 61ª al mondo. Le opere in mostra sono frutto di una collezione privata iniziata negli anni ’20 dal barone Hans Heinrich Thyssen-Bornemisza e suo padre, il barone Heinrich.

Inizialmente conservate a Lugano, le opere furono trasferite a Madrid dal figlio del barone, che accettò l’offerta dello Stato spagnolo di ospitarle nel bellissimo palazzo Villahermosa, un edificio storico costruito nel 1805.

Il museo ospita opere di artisti primitivi italiani, rinascimentali tedeschi, pittori americani del XIX secolo, impressionisti, espressionisti tedeschi e costruttivisti russi. Su tre piani, la collezione comprende oltre 1000 opere che coprono la storia della pittura europea dal Medioevo alla fine del XX secolo.

Il piano principale conserva la storica collezione del Barone, mentre un altro piano ospita la collezione di Carmen Thyssen-Bornemisza, baronessa della famiglia che ha iniziato la sua collezione privata nel 1987. L’ultimo piano del museo ospita esposizioni temporanee che vengono organizzate ogni anno.

Sebbene sia possibile visitare il museo gratuitamente il lunedì dalle 16:00 alle 20:00, le lunghe file potrebbero rendere l’esperienza meno piacevole. Si consiglia di prenotare una visita guidata della durata di due ore e mezza per evitare queste difficoltà.

  • Indirizzo:Paseo del Prado, 8
  • Orario e prezzo: Puoi scoprire tutto sul Museo cliccando qui.

Museo Naval

Museo Naval

Sul “Paseo del Prado” si trova anche un altro museo all’interno del quartier generale della Marina Militare. All’ingresso verrà chiesta solo una donazione per il mantenimento del museo, dedicato alla storia della Marina Militare spagnola, dal Medioevo ai giorni nostri. Progettato nel 1792 da Antonio de Valdés y Fernández Bazán, segretario della marina all’epoca di Carlo IV, il museo aveva lo scopo di raccogliere documenti a scopo educativo per la marina spagnola.

Le collezioni comprendono oltre 12.000 pezzi tra strumenti astronomici, scientifici e di navigazione, armi, bandiere, uniformi, decorazioni, attrezzature marine, oggetti etnografici e oggetti personali di illustri navigatori. L’oggetto più prezioso del museo è “il primo mappamondo”, disegnato su pergamena dal navigatore spagnolo Juan de la Cosa nel 1500, che comprende le “nuove terre” appena scoperte in viaggio con Cristoforo Colombo.

Raccomanderei la visita di questo museo per coloro che sono interessati alla storia navale e militare spagnola.

  • Indirizzo:Paseo del Prado, 3
  • Orario: Martedi – Domenica: 10:00h – 19:00h
  • Prezzo: 3€

Biblioteca Nazionale

Biblioteca Nazionale

La Biblioteca Nazionale si trova nei pressi del “Paseo de Recoletos”, dove si può ammirare un magnifico palazzo in stile classico a forma di tempio. Sulla facciata è presente una grande decorazione raffigurante “la vittoria delle scienze e delle arti”, scolpita dallo scultore spagnolo Agustín Querol.

A completare l’entrata dell’edificio, ci sono varie statue di personaggi popolari della cultura spagnola, come Lope de Vega e Cervantes. Nel palazzo è conservata una vasta collezione di incunaboli, manoscritti, stampe, disegni, fotografie, mappe, registrazioni sonore e spartiti. Inoltre, nello stesso edificio si può visitare anche il museo archeologico. La biblioteca è divisa in diverse sale, ognuna dedicata ad un tema specifico. Se sei appassionato di libri o un ricercatore di storia, questo è sicuramente un luogo stimolante da visitare.

  • Indirizzo:Paseo de Recoletos, 20
  • Orario:Martedi – Sabato 10:00h – 20:00h / Domenica e festivi 10:00h – 14:00h

Palazzo di Cibeles

Palazzo di Cibeles, Madrid

L’inizio del “Paseo del Arte” si trova nella “Plaza de Cibeles”. Attraversando questa piazza, si nota un edificio molto alto che rappresenta una delle icone di Madrid, il “Palacio de Cibeles”. Inaugurato nel 1919, fu progettato per diventare la nuova sede principale delle comunicazioni postali.

Gli architetti della costruzione furono Antonio Palacios e Joaquín Otamendi, che utilizzarono uno stile neoplateresco, il quale ha dato il via ad una nuova architettura moderna nel centro della città. Per oltre 100 anni, è stato il punto centrale delle comunicazioni in tutta la Spagna.

Dopo diverse ristrutturazioni, il palazzo è diventato la sede principale del Comune di Madrid, ma è ancora possibile visitarlo dato che ha diverse aree aperte al pubblico, tra cui un ristorante, una caffetteria e una terrazza all’ultimo piano, un centro culturale, una sala congressi e un “mirador” sulla torre più alta, da cui si può godere di una vista a 360 gradi su Madrid. L’ingresso all’edificio è gratuito, ma per salire sul “mirador” è richiesto un costo di 3 €.

  • Indirizzo:Plaza de la Cibeles, 1

Puerta De Alcalà

Puerta De Alcalà

A meno di 400 metri dalla Plaza de Cibeles, troverai la Plaza de la Independencia, dove si trova un altro simbolo di Madrid: la Puerta de Alcalá. Questa porta reale consentiva l’accesso alla città ed è stata costruita e progettata da Francesco Sabatini su ordine del nuovo re di Spagna, Carlo III. Inaugurato nel 1778, questo maestoso monumento è realizzato in stile neoclassico e ha la particolarità di avere cinque archi invece dei tre caratteristici.

Ha un’altezza di 20 metri con diverse decorazioni che rappresentavano la potenza del re Carlo III. Le decorazioni cambiano per le due facciate: una parte è ornata con stemmi reali e rappresentazioni militari per indicare la forza a chi si preparava ad entrare in città, mentre l’altra facciata, interna alle mura, è abbellita con quattro bambini che rappresentano le quattro virtù cardinali: la prudenza, la giustizia, la fortezza e la temperanza. La Puerta de Alcalá si trova di fronte all’ingresso del Parco del Retiro.

  • Indirizzo:Plaza de la Independencia

Parco del Retiro

il Palacio de Cristal nel Parco del Retiro

Il Parco del Retiro è sicuramente il parco più prestigioso della città, una zona verde di 1,3 chilometri quadrati dove turisti e madrileni possono godere di tranquillità in pieno centro. L’ingresso è gratuito, anche se è possibile visitare il parco con una guida per chi vuole conoscere tutti i dettagli di questa splendida area verde che ha molto da offrire.

Il parco risale al regno di Felipe IV (1605-1665), quando fu costruito come parte del progetto del “Cuarto Real”, una zona di svago per le famiglie reali costruita attorno al vecchio monastero di San Jerónimo.

Durante la passeggiata nel parco, si possono visitare vari punti di interesse, tra cui:

  • Lago artificiale con il monumento ad Alfonso XII
    Il lago artificiale descritto fa parte del primo progetto storico del parco, costruito nel 1634 dall’architetto Cristobal de Aguilera. Questo lago veniva utilizzato dai re per spettacoli acquatici, come battaglie navali o gite in barca. Successivamente, nel 1900, fu costruito il monumento ad Alfonso XII progettato da José Grases Riera e portato a termine da Teodoro Anasagasti. Il monumento è decorato da una statua equestre, opera di Mariano Benlliure. Ad oggi, è possibile noleggiare una barca per navigare sul laghetto.
  • Palacio de Cristal e La casa de Velazquez
    I due palazzi descritti, costruiti dallo stesso architetto Ricardo Velázquez Bosco, furono progettati per ospitare eventi temporanei. Il Palacio de Cristal, costruito nel 1887, ospitò una serra di piante tropicali in una mostra. È uno dei miei luoghi preferiti del parco, poiché si affaccia su un laghetto artificiale circondato da animali e alberi, creando un’atmosfera magica. Il Palacio de Velázquez, che prende il nome dal suo architetto, fu costruito nel 1883 per ospitare una mostra nazionale mineraria. Oggi, entrambi gli edifici fanno parte del Museo Reina Sofia come sedi esterne dove, se sei fortunato, puoi trovare mostre temporanee gratuite.
  • L’angelo caduto
    A Madrid si trova l’unica statua dedicata al diavolo, rappresentante Lucifero che cade dal paradiso. La statua fu scolpita da Ricardo Bellver nel 1878 per l’Esposizione universale di Parigi.
  • La Rosaleda.
    La “Rosaleda” è un giardino progettato nel 1915 che ospita più di 4000 esemplari di rose. Il suo massimo splendore si può apprezzare nei mesi di maggio e giugno, quando le rose fioriscono. Oltre alla Rosaleda, ci sono molti altri giardini nel parco adornati con statue, fontane, piante e fiori, come i Jardines de Cecilio Rodríguez e il Parterre Francese, dove si trova il cipresso calvo, l’albero più antico della città che si pensa abbia circa 400 anni. Durante la tua visita a Madrid, ti consiglio di fare una pausa in questo incantevole parco!

Museo Archeologico Nazionale

Museo Archeologico Nazionale

Nello stesso palazzo della Biblioteca Nazionale si può visitare il Museo Archeologico Nazionale. Il museo ospita collezioni di grande valore storico con reperti che spaziano dal Paleolitico antico al Medioevo, attraversando anche l’epoca celtica, romana e il dominio arabo.

È suddiviso su tre piani e contiene circa 14.000 oggetti artistici e archeologici che permettono di scoprire le influenze che il territorio spagnolo ha subito nel corso della sua storia. Tra i pezzi più importanti del museo ci sono la “Dama de Elche”, un busto di pietra raffigurante una donna, scoperto nel 1897 e molto probabilmente risalente al III secolo a.C. e la statua di Livia Drusilla, scultura del I secolo d.C. che raffigura la moglie dell’imperatore Augusto.

La collezione del tesoro di Guarrazar è molto affascinante, comprende ventisei corone votive e croci d’oro appartenenti ai re visigoti, ritrovati a Toledo. Infine, c’è anche la collezione di vasi greci che, secondo gli esperti, è una delle migliori del mondo. Se sei appassionato di storia, ti consiglio vivamente di visitare questo museo e di non perderti l’occasione di ammirare tali tesori.

  • Indirizzo:Calle de Serrano, 13
  • Orario:Martedì – sabato 09:30h – 20:00h, Domenica e festivi 09:30 – 15:00
  • Prezzo: 3€

Museo Reina Sofia

Museo Reina Sofia

Il Museo Reina Sofía completa il “triangolo dell’arte” insieme al Museo del Prado e al Museo Thyssen-Bornemisza. Si trova nella parte finale del Paseo del Prado, nei pressi di Atocha. L’edificio che ospita il Museo è un palazzo neoclassico del XVI secolo di quattro piani, che in passato era stato utilizzato come ospedale.

Dopo diverse riforme e ristrutturazioni, nel 1986 è stato inaugurato il Centro d’Arte Reina Sofía, diventato poi un museo a tutti gli effetti nel 1992, quando è stata inaugurata la prima collezione permanente.

Il Museo Reina Sofía è uno dei musei più visitati di Madrid e ospita opere dell’arte contemporanea spagnola dal ‘900 ad oggi. Le opere sono distribuite su tutti e quattro i piani e per visitarli tutti ci vorranno almeno due ore. Tra gli artisti rappresentati ci sono Salvador Dalì, Joan Mirò, Juan Gris, Maria Blanchard, Pablo Picasso e molti altri.

Il museo ha altre due sedi, il Palacio de Velázquez e il Palacio de Cristal, situati nel parco del Retiro, dove sono ospitate mostre temporanee gratuite. Il costo del biglietto per entrare al museo è di 12 euro, ma sul sito è possibile trovare pacchetti per visitare tutti e tre i musei del “triangolo dell’arte”.

  • Indirizzo:Calle de Santa Isabel, 52
  • Orario: Lunedì, mercoledì e sabato: 10:00h – 21:00h Domenica: 10:00h – 14:30h

Molte più informazioni riguardanti il Museo puoi trovarle cliccando qui.

CaixaForum

Il giardino verticale del CaixaForum

Durante la tua passeggiata al “Paseo del Prado” non puoi non notare un edificio molto particolare. Sembra sospeso in aria con un grandissimo giardino verticale. Si tratta di una ex centrale elettrica completamente ristrutturata, che ha mantenuto la sua facciata originale grazie alla nuova proprietà, la “Caixa”, una delle maggiori banche europee.

Oggi è un enorme centro culturale di 2000 metri quadrati che durante l’anno ospita concerti, mostre, eventi e incontri culturali. All’interno del palazzo si trovano anche un ristorante e una biblioteca, che completano questa icona della città. Se ti trovi in città, ti invito a visitare il sito web per vedere l’attuale programmazione.

  • Indirizzo:Paseo del Prado, 36
  • Orario:Lunedi – Domenica e festivi: 10:00h – 20:00h

Giardino Botanico Reale

Il Giardino Botanico Reale al Paseo del Prado, Madrid

Il “Real Jardin Botanico” è un orto botanico situato nel pieno centro di Madrid. Fu creato su richiesta di re Ferdinando VI nel 1755, e inizialmente si trovava al di fuori del centro della città. Con il passare del tempo e la crescita del giardino, fu spostato dal re Carlo III nella sua posizione attuale, facente parte del progetto del “Salon del Prado”, inaugurato nel 1781.

Il progetto fu affidato al botanico Casimiro Gómez Ortega e all’architetto Francesco Sabatini, e successivamente continuato da Juan de Villanueva. L’orto botanico è diviso in quattro livelli e ospita più di 5000 esemplari provenienti da tutto il mondo, divisi per famiglie.

Inoltre, vi è una collezione interessante di bonsai e piante esotiche. Il giardino è aperto tutto l’anno, ma si consiglia di visitarlo in primavera, quando è più fiorito e colorato.

  • Indirizzo:Plaza de Murillo, 2
  • Orario: apertura 10h , chiusura :Da novembre a febbraio : 18:00h / Da maggio a agosto: 21:00h / Marzo e ottobre: 19:00h / Aprile e settembre: 20:00h.
  • Prezzo: 4€.

Dove mangiare al “Paseo del Prado”

Il Paseo del Arte è un viale molto lungo con molte opzioni gastronomiche adatte a tutte le tasche. Qui ti consiglio alcuni posti che ho personalmente provato e che mi hanno soddisfatto sia per il cibo che per l’atmosfera:

  • El Brillante: Questo bar aperto dal 1961 è una vera istituzione di Madrid, famoso per i suoi “bocadillos de calamares”, anche se il menu offre molte altre specialità spagnole come patatas bravas e polpo. I prezzi sono economici. Si trova a pochi passi dal Museo Reina Sofia e se ti trovi in zona ti consiglio di provarlo!
    Indirizzo: Glorieta Emperador Carlos V, 8.
  • Patio de Leones: Questo locale si trova di fronte al Parco del Retiro ed è molto alla moda, sia per il cibo che per i drink. E’ un ottimo posto dove cenare o fare un aperitivo, ma i prezzi sono un po’ più alti rispetto alla media per via della posizione. Durante il fine settimana è possibile assistere a spettacoli, quindi ti consiglio di prenotare!
    Indirizzo: Calle de Serrano, 1.
  • Ramses: Il Ramses si trova a pochi passi dal Patio de Leones ed è un ottimo posto dove fare un aperitivo e, se vuoi, spostarti nel locale notturno per continuare la serata. Anche il ristorante è molto buono, anche se un po’ costoso, ma ne vale la pena per l’ambiente e il servizio.
    Indirizzo: Plaza de la Independencia, 4.
  • Florida Park: Il Florida Park si trova all’interno del Parco del Retiro e ha diverse aree all’interno di questo palazzo dell’800, come il ristorante, la terrazza e la discoteca. Personalmente, ho frequentato la terrazza dove è possibile fare una pausa aperitivo con le classiche tapas durante una passeggiata nel parco, e la discoteca dove è possibile continuare l’aperitivo o trascorrere una notte di “movida madrilena”!

Il Paseo del Arte è uno dei quartieri più visitati di Madrid, ma non è l’unico. Scopri cosa fare e vedere nei principali quartieri della capitale spagnola cliccando qui.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *