Plaza-Dos-De-Mayo-Madrid

Malasaña, Madrid: Cosa vedere e Come Arrivare 2024

In questo articolo parleremo di Malasaña, un quartiere al centro di Madrid confinante con il quartiere di Chueca. È un quartiere molto vivace che è rinato dopo la fine della dittatura e della repressione franchista.

Durante la mattina, le persone visitano i suoi negozi vintage e riempiono le numerose caffetterie creando un’atmosfera rilassante. Dopo le 18.00 il quartiere prende vita e si può vedere come i locali, i pub e le terrazze della zona si riempiono di gente per fare festa fino a tarda notte, caratterizzandolo come uno dei centri della “movida” madrilena. Tuttavia, Malasaña non è solo questo, ci sono anche molte attrazioni storiche e culturali. Andiamo in ordine, ora scoprirai:

Come arrivare dall’aeroporto a Malasaña.
Cosa vedere e cosa fare a Malasaña.
Dove mangiare a Malasaña.

Le attività imperdibili durante il tuo viaggio a Madrid

I tour più belli in italiano

  • Free Tour di Madrid: 2 ore e mezza per scoprire tutta la storia e i luoghi emblematici della capitale spagnola.
  • Autobus turistico: Esplora comodamente tutti i luoghi principali della città mentre ascolti un audioguida.

Per chi ama l’arte e vuole scoprire le opere dei Musei più importanti del mondo a Madrid

Le migliori attività da fare in famiglia con i tuoi ragazzi

Dove alloggiare a Madrid

Come arrivare dall’aeroporto a Malasaña

Il modo più comune ed economico per arrivare a Malasaña dall’aeroporto è con la metropolitana. Il viaggio costa all’incirca 5 euro, incluso l’acquisto della “tarjeta multi” ricaricabile, e dura circa 35 minuti. Le alternative più costose sono il taxi o le applicazioni di servizi privati come Uber o Cabify (l’equivalente spagnolo di Uber). Il prezzo varia da 25 a 40 euro, e il viaggio dura circa 20 minuti, a seconda del traffico. Ti consiglio di utilizzare la metropolitana, che è un servizio pubblico molto preciso e funzionale.

Per raggiungere Malasaña in metropolitana devi:

  • Prendere la linea 8 all’interno dell’aeroporto e scendere a “Nuevo Ministerios”.
  • Qui, devi cambiare linea e prendere la linea 10 in direzione “Tribunal”.
  • Una volta arrivato a “Tribunal”, devi uscire dalla metro dall’uscita “Calle Barcelò” e proseguire dritto per “Calle de la Palma” fino a “Plaza dos de Mayo”.
  • A questo punto sei arrivato nella piazza principale del quartiere di Malasaña!

Cosa vedere e cosa fare a Malasaña.

Sei pronto a scoprire questo meraviglioso quartiere?! Iniziamo!

Plaza Dos de Mayo

Plaza dos de mayo

Arrivati in questa piazza, chiamata Plaza Dos de Mayo, si è in un punto storico di Madrid. Da qui è iniziata la ribellione spagnola contro l’invasione francese il 2 maggio 1808 e la piazza prende il nome proprio da questa data. Il quartiere, invece, prende il nome da Manuela Malasana, una ragazza che morì prendendo parte a questa rivolta.

Nella piazza si può ammirare la statua dedicata ai due comandanti che guidarono la rivolta: il comandante Daoiz e il comandante Velarde. La statua dei comandanti si trova sotto un arco che era la vecchia entrata della caserma militare “Cuartel de artillería de Monteleón”. Intorno alla piazza, è possibile perdersi nelle strade piene di bar, terrazze e negozi per lo shopping, soprattutto vintage.

Ti consiglio di passeggiare per la “Calle de Velarde”, che è piena di negozi retrò che ne valgono la pena! La sera, la piazza diventa il centro della “movida”. Si riempie di gruppi di giovani e il quartiere diventa vivo in tutti i suoi angoli. Questa zona non ha discoteche, ma è piena di locali-pub aperti fino a tarda notte, dove puoi ascoltare musica di ogni genere.

La chiesa di San Antonio de los Alemanes

La chiesa di San Antonio de los Alemanes

Passeggiando per il quartiere, dovete assolutamente entrare in questa chiesa che nasconde una meraviglia. Sto parlando della chiesa di San Antonio de los Alemanes, conosciuta come la “Cappella Sistina” spagnola. La chiesa è completamente dipinta con 1500 mq di affreschi realizzati da vari pittori, tra cui il famoso italiano Luca Giordano.

In aggiunta, possiamo trovare opere di Manuel Pereira e Francisco Gutierrez. Questa chiesa barocca fu fondata da Felipe III all’inizio del XVII secolo ed è dedicata a Sant’Antonio da Padova. Alla sua costruzione parteciparono diversi maestri dell’epoca, come Pedro Sánchez, Francisco Seseña e Juan Gómez de Mora. È possibile visitare il museo all’interno della chiesa, che racconta la storia della Confraternita del Refugio, un’associazione benefica fondata nel 1615.

Il museo, oltre ad avere oggetti religiosi antichi, abiti sacerdotali dell’epoca e abiti funebri, ospita tre grandi gioielli pittorici: l’Immacolata di Claudio Coello, la Maddalena penitente di Mateo Cerezo e l’Immacolata di José Antolinez.

  • Indirizzo:Calle Corredera Baja de San Pablo, 16
  • Ingresso: Chiesa e museo 5€ , solo chiesa 2,50€
  • Orario:Lunedi – Venerdi: 10:00-14:00, Sabato:10:30 -14:00 Visita guidata : Lunedi – Sabato: 10:30, 11:30, 12:30, 17:00 e 19:00.

Chiesa di San Martin

La chiesa di San Martin, Madrid

Nel quartiere si trova un’altra chiesa antichissima, fondata nel XVIII secolo e di grande valore architettonico: la chiesa di San Martin. La sua architettura è basata sulla tradizionale croce latina, con una navata centrale e due navate laterali con rispettive cappelle. All’interno ci sono dei balconi che si affacciano sulla navata principale, che la rendono un bellissimo esempio di stile barocco.

La facciata è molto elegante, con una porta centrale e due torri campanarie. Originariamente nata come convento benedettino nel 1126, è diventata una delle principali chiese della città nel XIV secolo. Se sei appassionato di architettura, non puoi perderti questa chiesa!

  • Indirizzo:Calle del Desengaño, 26
  • Orario:Lunedi- Domenica: 10:00 – 15:00

Chiesa di San Marco

Iglesia san Marco, Madrid

Un’altra chiesa di grande valore storico è la Chiesa di San Marco. Viene considerata la miglior opera dell’architetto spagnolo Ventura Rodriguez, il quale iniziò a progettarla nel 1749. Alla sua morte, Ventura Rodriguez fu sepolto insieme alla moglie in questa stessa chiesa, ma successivamente i loro resti furono trasferiti in un’altra parrocchia.

La chiesa è dedicata al Re Filippo V in commemorazione della sua vittoria nella battaglia di Almansa, che avvenne proprio nel giorno di San Marco il 25 aprile 1707. L’interno della chiesa custodisce la vera bellezza, dove spicca il grande organo in legno di noce, ornato di numerosi dettagli, e la cupola, divisa in quattro parti, che contiene dipinti di Luis González Velázquez.

  • Indirizzo:Calle San Leonardo, 10
  • Orario: lunedi-sabato 7:30-12_30/17:30-20:30 Domenica e festivi 9:00-13:30 / 18:00-20:30
  • Ingresso: Gratuito o con visita guidata

Palazzo di Liria

Palacio de Liria, madrid

Palazzo di Liria è la residenza ufficiale della Casa D’Alba, nobile famiglia spagnola, ed è la sede della sua collezione privata composta da opere di immenso valore. Il palazzo è considerato la più grande residenza privata di Madrid, con una superficie di 3.500 m² e 200 camere. Già dall’anno della sua costruzione, nel XVIII secolo, ad opera del francese Louis Guilbert e Ventura Rodriguez, che iniziarono e completarono la progettazione e la costruzione, era considerato il palazzo più bello della città, guadagnandosi il soprannome di “fratello minore del Palazzo Reale”.

I tesori artistici e storici del Palazzo di Liria sono veramente sorprendenti, soprattutto se pensiamo che si tratta di una collezione privata. Tra le opere più importanti troviamo una collezione di dipinti di molti importanti pittori in diversi periodi della storia dell’arte, inclusa una galleria di ritratti dei vari duchi, dipinti da maestri come Christoph Amberger, Tiziano, Louis-Michel van Loo, Mengs, Goya, Federico de Madrazo, Joaquín Sorolla e Daniel Vázquez Díaz.

Particolarmente famosi sono il Ritratto del Granduca d’Alba di Tiziano e il Ritratto della Duchessa de Alba di Goya. La pinacoteca comprende anche opere italiane di rilievo, tra cui l’Allegoria della Verità di Francesco Furini, L’Espulsione dal Paradiso di Andrea Vaccaro e tele di Elisabetta Sirani, Carlo Maratta, Francesco Guardi e Giovanni Pannini. Il tour continua con una grande biblioteca dove si trovano documenti di inestimabile valore, come le lettere di Cristoforo Colombo e i documenti firmati dai re. Non puoi perdere la visita a questo palazzo!

  • Indirizzo:Calle de la Princesa, 20
  • Prezzo: 15€

Vuoi saperne di più? Leggi l’articolo su questo magnifico palazzo qui.

Dove mangiare a Malasaña

Se siete in zona Malasaña durante la vostra visita in città, vi consiglio di provare questi ristoranti:

  • La Fragua de Serbin: situato vicino alla “Plaza dos de Mayo”, questo ristorante offre piatti tipici della cucina spagnola, ma è anche un ottimo posto per gustare del buon vino e assaggiare le sue deliziose tapas! Consiglio di provare le cozze e il risotto, entrambi deliziosi. I prezzi sono nella media. L’indirizzo è Calle del Divino Pastor, 21.
  • Roost Chicken: sempre nei dintorni della “Plaza dos de Mayo”, questo ristorante è perfetto per gli amanti del pollo fritto, qui potrete provare molti piatti diversi! L’indirizzo è Calle de San Andrés, 26.
  • Casa Macareno: vale la pena fare una pausa pranzo in questo locale che sembra una vecchia taverna, il menu propone una serie di piatti tradizionali che sono stati rivisitati per attirare le nuove generazioni ai gusti di un tempo. Il risultato? Buonissimo! L’indirizzo è Calle de San Vicente Ferrer, 44 e l’orario di apertura è tutti i giorni dalle 12:00 alle 01:00 in orario continuato.

Malasaña è uno dei quartieri da visitare a Madrid. Scopri gli altri in questo articolo.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *